Crea sito

Pagnoncelli: astensionismo oggi largamente primo «partito» del Paese

maggio 27th, 20142 Comments
Pagnoncelli: astensionismo oggi largamente primo «partito» del Paese

Troviamo conferma su quanto scrivevamo riguardo all’astensionismo record delle europee, nell’analisi della partecipazione al voto di Nando Pagnoncelli, pubblicata ieri sul Corriere della Sera:

 ”L’astensionismo [...] oggi risulta largamente il primo «partito» del Paese. [...] non va sottovalutata la conseguenza principale dell’elevato astensionismo, cioè la minore rappresentatività dei partiti rispetto al passato.”

Pagnoncelli fa notare che, nonostante la concomitanza delle elezioni comunali e regionali, il calo della partecipazione elettorale alle elezioni europee è netto, sia rispetto alle europee 2009 sia alle politiche 2013:

l’affluenza alle urne è risultata in flessione non solo rispetto alle elezioni politiche dello scorso anno, quando votarono tre elettori su quattro, ma persino rispetto alle precedenti Europee che toccarono il punto più basso di partecipazione: 66,5%, cioè due elettori su tre.

e rileva il dato allarmante:

il dato delle elezioni di ieri rappresenta il nuovo primato negativo: i votanti per la prima volta sono scesi al di sotto del 60% (57,2%).

Il presidente Ipsos invita a osservare il profondo cambiamento del profilo degli astensionisti rispetto al passato:

Se fino a qualche anno fa chi disertava le urne era prevalentemente distante dalla politica, oggi c’è una forte componente di elettori che non disdegnano affatto la politica ma esprimono delusione per l’attuale offerta, in termini di partiti, leader e programmi. Se un tempo prevalevano le persone anziane, poco istruite, residenti nei piccoli comuni oggi si è aggiunta una forte componente di ceti più dinamici e istruiti, tra i quali spicca la componente impiegatizia.

Doparie Press |

About dopariepress

» has written 726 posts

2 Comments

  1. Peppino Coscione says:

    Se vi aggiungiamo le schede bianche e le schede nulle, il quadro diventa ancora più preoccupante.

    • dopariepress says:

      Hai ragione, Peppino. Si tratta di poco più di 20 milioni di astenuti, a cui è corretto sommare almeno le 579 mila schede bianche (le schede nulle sono state quasi un milione). ciao e molte grazie per il commento, Doparie Dopoleprimarie

 

Il progetto scientifico Doparie sui Social Network