Crea sito

Il Patto di Civati: una legge sui partiti che prevede consultazioni della base

dicembre 19th, 2014Comments Off
Il Patto di Civati: una legge sui partiti che prevede consultazioni della base

Il Patto Repubblicano lanciato a Bologna da Giuseppe Civati propone una legge sui partiti che prevede consultazioni della base.

La politologa Nadia Urbinati l’ha definito “patto di cittadinanza democratica“; un patto “per la Partecipazione, l’Uguaglianza, la Libertà, l’Alternativa” articolato in dieci punti:

Dieci punti che chi ha responsabilità politiche si impegna a portare avanti in tutte le sedi pubbliche, politiche e istituzionali. Dieci punti ai quali gli eletti nelle Camere, in particolare, si impegnano a ispirare la loro attività parlamentare, promuovendo a talfine iniziative congiunte, anche al di là della appartenenza ai gruppi parlamentari e conpriorità rispetto a ogni vincolo di partito o disciplina di gruppo.
Al punto due del patto, i sottoscrittori si impegnano a sostenere una legge sui partiti politici:
una legge sui partiti politici che assicuri la presenza della democrazia interna, attraverso organi davvero rappresentativi e modalità di consultazione diretta degli iscritti e dei militanti.

Volendo spiegare l’allarmante astensione delle ultime tornate elettorali (che ai “dirigenti politici che ricoprono oggi le massime responsabilità nei principali partiti sembra non importare”), i firmatari avanzano un’ipotesi:

Molte elettrici e molti elettori se ne sono andati perché hanno capito che non decidono più niente.
Si tratta di una vera e propria “emergenza”:
L’emergenza è recuperare, invece, la partecipazione di tutti, perché ricominciando proprio dall’inizio, dobbiamo ricordare che LA SOVRANITÀ APPARTIENE ALPOPOLO, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione [...]

Tra gli altri, hanno sottoscritto il patto il capogruppo di Sel alla Camera Arturo Scotto ed esponenti di Green Italia.  I primi firmatari sono: Giuseppe Civati, Andrea Pertici, Annalisa Corrado, Christian Raimo, Giovanni Vetritto, Nadia Urbinati, Marina Terragni, Francesco Sinopoli, Elly Schlein, Silvia Prodi e Alberto Vannucci.

Oltre alla sottoscrizione, l’associazione “E’ possibile” invita tutti i cittadini a “impegnarsi a dare forma ai punti previsti dal Patto, con azioni locali e nazionali”. Chi vuole impegnarsi, può scrivere a [email protected]. Andrea Pertici coordina il tavolo di lavoro “Appartiene al Popolo” (legge elettorale e legge sui partiti, istituti di democrazia diretta e partecipativa, riforma della Costituzione,…).

epossibile_patto_repubblicano

[Nota bene: le doparie sono un progetto di ricerca scientifica del Cnr, che si rivolge a tutti i partiti politici. Come tale non sostiene candidati e non prende parte alla contesa politica. La notizia riportata in questo post serve solo a mettere in evidenza la diffusione nella società italiana dei principi alla base della proposta]

Doparie Press |

About dopariepress

» has written 726 posts

Comments are closed.
 

Il progetto scientifico Doparie sui Social Network